Vai alla barra degli strumenti

Samsung e Foxconn chiudono le fabbriche in Cina per contrastare il coronavirus

Tempo di lettura1 Minuti, 13 Secondi

In Cina continuano le precauzioni speciali per combattere l'epidemia del nuovo coronavirus di Wuhan, e tra queste, viste le modalità di diffusione del contagio (simile a quelle del comune virus dell'influenza stagionale), c'è l'evitare di riunire grandi folle in luoghi chiusi.

Quindi niente conferenze, niente tornei di videogiochi e addirittura niente negozi; e ora cominciano a chiudere anche le fabbriche, incluse quelle di Foxconn, che produce iPhone e gran parte degli smartphone sul mercato, e quelle di Samsung. Stando a quanto riporta il Financial Times, gli stabilimenti potrebbero rimanere chiusi per almeno una settimana, forse anche due. Tanto per rendersi conto della portata del provvedimento, basta pensare che nell'hub industriale di Suzhou, a ovest di Shanghai, le persone interessate si contano nell'ordine dei milioni.

Foxconn, tuttavia, dice che la chiusura forzata non creerà problemi nella fornitura di iPhone, al contrario di quanto sostenevano ieri gli analisti di Bloomberg. Il colossale fornitore, la cui sede principale è a Taiwan ma possiede anche molte fabbriche nella Cina continentale, non si addentra molto nei dettagli, limitandosi a dire che "possiamo confermare che abbiamo preso provvedimenti per garantire il rispetto di tutti i contratti a livello globale".


Zero compromessi al miglior prezzo?? Samsung Galaxy S10 Plus, in offerta oggi da Mobzilla a 645 euro oppure da Amazon a 699 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE


https://feeds.feedburner.com/hd-blog

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Close
Social profiles
error: Protezione Attiva.