Processo amministrativo: il giudice di appello può rilevare ex officio l'esistenza dei presupposti e delle condizioni per la proposizione del ricorso di primo grado

0 0
Tempo di lettura1 Minuti, 23 Secondi

Consiglio di Stato, sezione V, sentenza 9 aprile 2021, n. 2905
In tema di processo amministrativo: 1) il giudice di appello ha il potere di rilevare ex officio l’esistenza dei presupposti e delle condizioni per la proposizione del ricorso di primo grado (con particolare riguardo alla condizione dell’interesse a ricorrere), non potendo ritenersi che sul punto si possa formare un giudicato implicito, preclusivo alla deduzione officiosa della questione, ogniqualvolta il primo giudice non si sia espressamente pronunciato al riguardo; conseguentemente, sono producibili in appello, perché in tesi “indispensabili” ai sensi dell’art. 104, comma 2, c.p.a., i documenti, preesistenti o successivi al gravame, che attengono alla definizione in rito della controversia, quindi anche quelli concernenti l’inesistenza o la sopravvenuta carenza dei presupposti processuali o delle condizioni dell’azione; 2) la condanna dell’Amministrazione a provvedere ai sensi dell’art. 117 c.p.a. presuppone che, al momento della pronuncia del giudice, perduri l’inerzia e che, dunque, non sia venuto meno l’interesse del privato istante a ottenere una pronuncia dichiarativa dell’illegittimità del silenzio-inadempimento. Trattandosi di una condizione dell’azione, essa deve persistere fino al momento della decisione; sicché l’emanazione di un provvedimento (o l’adozione di un comportamento) esplicito, in risposta all’istanza dell’interessato o in ossequio all’obbligo di legge, rende il ricorso inammissibile per carenza originaria dell’interesse ad agire o improcedibile per sopravvenuta carenza di interesse, a seconda che il provvedimento (o il comportamento conforme all’interesse del privato) intervenga prima della proposizione del ricorso o nelle more del giudizio conseguentemente instaurato (riforma TAR Lazio, sez. II, sent. n. 13514/2020) (v. anche CdS, ad. plen., sent. n. 4/2018, e sez. IV, sent. n. 2171/2020, entrambe in questa Rivista). Fonte: Eius.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Close
Social profiles