Vai alla barra degli strumenti

Mandato d'arresto europeo: ai fini del rifiuto della consegna per il pericolo di violazione del diritto a un equo processo, l'interessato deve allegare circostanze specifiche e concrete tali da giustificare anche solo un mero sospetto di iniquità

Tempo di lettura27 Secondi

Corte di cassazione, sezione VI penale, sentenza 21 maggio 2020, n. 15924 (depositata il 26 maggio 2020)
In tema di mandato d’arresto europeo, ai fini del rifiuto della consegna in ragione del pericolo di violazione del diritto a un equo processo, è necessario che la persona interessata alleghi circostanze specifiche e concrete, tali da giustificare anche solo un mero sospetto di iniquità, non essendo sufficiente la generica denunzia di carenze del sistema giudiziario dello Stato di emissione (fattispecie relativa a una richiesta di consegna proveniente dalla magistratura polacca).

Fonte: Eius.it

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Close
Social profiles
error: Protezione Attiva.