“Inutile dar soldi a hospice dei malati terminali, tanto lì la gente muore”, bufera sul consigliere

Tempo di lettura2 Minuti, 43 Secondi

I nostri contati ci segnalano un articolo pubblicato su Fanpage il 23 gennaio 2020 su un consigliere al quale vengono attribuite alcune uscite infelici in merito alle offerte destinate a un hospice del suo distretto. Il fatto è avvenuto ad Alessandria quando Carmine Passalacqua, consigliere di maggioranza di Forza Italia e presidente della Commissione Cultura, durante una seduta in comune della Commissione Affari Istituzionali si sarebbe pronunciato circa le raccolte destinate all’hospice “Il Gelso“. Fanpage, citando Corriere della Sera, riporta che Passalacqua avrebbe detto di: Non fare beneficenza al Gelso, tutti portano al Gelso… ma non ne ha bisogno… ha contributi statali. Io non capisco tutte queste raccolte fondi e non vedo perché non si faccia beneficenza anche ad altri. Ci sono tante altre strutture che hanno bisogno di fondi, pensiamo ai bambini”. Durante il suo intervento, di cui esiste un audio registrato da qualcuno dei presenti, avrebbe anche detto: “Lì, in fondo, la gente muore”.

L’audio

Come riporta Fanpage, l’audio originale è stato riportato da Corriere della Sera in un articolo il 23 gennaio 2020.

Vorrei sollecitarvi a fare donazioni non solo al Gelso. Tutti portano al Gelso ma non ne ha bisogno, perché è una struttura ospedaliera che già prende contributi dallo Stato. Per cui, fare delle cene in un posto in cui alla fine si muore, perché è l’ultimo posto dove uno si augura di andare, ma se ci va fa una fine che… eh.

Non so, io non capisco tutte queste raccolte fondi per Il Gelso. Si vede che a tutti piace finire lì. È una cosa tristissima, non vedo perché le associazioni non ampliano gli orizzonti e non facciano del bene anche ad altri. Ce n’è bisogno in tante strutture, pensiamo ai bambini. Perché lì, tanto, la fine vita è sicura.

Il suo intervento è stato duramente contestato dall’opposizione che subito ha chiesto le sue dimissioni come riporta anche La Stampa.

La replica e le scuse

Raggiunto dai microfoni de La StampaRadioGold e altre testate Carmine Passalacqua si è scusato e ha tentato di spiegare il significato delle sue parole, accusando anche un certo accanimento mediatico:

Passalacqua non nega quanto detto ammettendo di non potersi nascondere dietro un audio in cui si sente chiaramente il suo intervento, e coglie l’occasione per affermare: Ho solo detto di diversificare, potrei rivedere i toni ma di fatto l’hospice è una struttura in cui si trascorrono gli ultimi momenti di vita” e ha concluso, come riporta La Stampa, che ognuno ha il proprio sentimento e può offrire il proprio contributo alla struttura che ritiene più opportuna.

Soprattutto, Passalacqua ha affermato di essersi già scusato con “Il Gelso”.

Parliamo di notizia vera, dunque, per confermare le affermazioni attribuite a Passalacqua circa le donazioni destinate all’hospice di Alessandria. Il consigliere di maggioranza si è scusato per i toni usati ma ribadisce la sua posizione, anche se più volte ha sottolineato che il suo intento era quello di invitare a diversificare i contributi.

L’articolo “Inutile dar soldi a hospice dei malati terminali, tanto lì la gente muore”, bufera sul consigliere proviene da Bufale.

Fonte: Bufale.net

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Close
Social profiles
error: Protezione Attiva.
Vai alla barra degli strumenti