Avvocati: al ricorso dinanzi al CNF contro le decisioni del Consiglio distrettuale di disciplina non si applica l'art. 342 c.p.c.

Tempo di lettura34 Secondi

Corte di cassazione, sezioni unite civili, sentenza 27 dicembre 2019, n. 34476
Al ricorso proposto innanzi al Consiglio nazionale forense avverso la decisione disciplinare emessa dal Consiglio distrettuale di disciplina non si applica, in via immediata e diretta, il disposto dell’art. 342 c.p.c., fermo restando che – a norma dell’art. 59, comma 1, del r.d. 22 gennaio 1934, n. 37 («Norme integrative e di attuazione del R. decreto-legge 27 novembre 1933, n. 1578, sull’ordinamento delle professioni di avvocato e di procuratore»), richiamato dall’art. 36, comma 1, della l. 31 dicembre 2012, n. 247 («Nuova disciplina dell’ordinamento della professione forense») – detto ricorso «deve contenere l’indicazione specifica dei motivi sui quali si fonda».

Fonte: Eius.it

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Close
Social profiles
error: Protezione Attiva.
Vai alla barra degli strumenti