Vai alla barra degli strumenti

Apple toglie e taglia: le cuffie e il caricabatterie ora costano meno

0 0
Tempo di lettura1 Minuti, 32 Secondi

Uno degli aspetti che più ha fatto discutere dei nuovi iPhone 12, che Apple qualche giorno fa ha svelato al mondo nel corso di un evento spettacolare, non ha a che fare con i melafonini. Ma con la confezione: o meglio, con quello che manca, e cioè l'alimentatore da muro per la ricarica e le cuffie EarPods. E' rimasto solo il cavetto (che a questo giro è Lightning ad un'estremità, USB-C all'altra). E gli adesivi, certo.

Cupertino ce l'ha spiegata, proprio come avvenuto per la serie 6 di Apple Watch, col discorso del minore impatto ambientale: un tema legittimo e importante, ma difficilmente il cliente cui togli qualcosa di – potenzialmente – molto utile ti guarderà come si guarda un filantropo che sta salvando il mondo. Piuttosto come qualcuno che lo ha appena fregato.

Ad ogni modo, Apple sa che ora le vendite del nuovo alimentatore da 20 W (con presa USB-C) e delle EarPods subiranno un'impennata, e quindi ha abbassato i prezzi di entrambi. Sia perché può farlo (non li sta più regalando col telefono, rispetto al passato), sia perché in qualche misura "deve" farlo. Risultato: il prezzo dell'alimentatore, Apple Store alla mano, è passato dai 35 euro della versione precedente ai 25 di quella attuale. Stesso taglio di prezzo per le EarPods, che da 29 sono scese a 19 euro.

(aggiornamento del 17 October 2020, ore 09:02)

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE


http://feeds.feedburner.com/hd-blog?format=xml

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Close
Social profiles