«Adoro quel copricapo ma non ero io»: Jamiroquai risponde a chi lo tira in ballo nell’assalto a Capitol Hill – Il video

0 0
Tempo di lettura2 Minuti, 55 Secondi

«Buongiorno Washington, adoro quel copricapo, ma non sono sicuro che quello sia il mio pubblico». Un sorridente Jason Kay, frontman dei Jamiroquai, replica con un video di qualche secondo su Twitter a chi, ieri sera durante l’assalto a Capital Hill – Washington, Usa -, ha paragonato il copricapo di Jake Angeli, «sciamano QAnon» e supporter di Donald Trump, a uno dei copricapi indossati dall’artista americano durante i suoi concerti. L’accostamento è rimbalzato da un account all’altro, tanto da diventare trending topic tra i cinguettii degli utenti del social.

Le immagini, riprese da telecamere e macchine fotografiche, ritraevano uno strano personaggio: viso dipinto con i colori della bandiera Usa, pelliccia e cappello con le corna da vichingo. E così stamattina, per scongiurare qualsiasi dubbio, l’autore di Bad Girls, Virtual Insanity, Cosmic Girl, Give Hate a Chance (e molte altre) è intervenuto per dire che no, non ha assolutamente a che vedere con i pro-Trump né tantomeno con teorie negazioniste come quelle di QAnon.

Leggi anche:

L’articolo «Adoro quel copricapo ma non ero io»: Jamiroquai risponde a chi lo tira in ballo nell’assalto a Capitol Hill – Il video proviene da Open.

Fonte: Open

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Close
Social profiles